ebcconsulting

Gestione legge 231 in azienda

Implementazione del modello organizzativo e legale della legge 231 per le risorse umane in azienda

Gestione legge 231 in azienda, immagine.
OFFERTA DI IMPLEMENTAZIONE DEL MODELLO PREVISTO DAL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/01 
 
1. PREMESSA
Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 ha introdotto nell'ordinamento italiano la disciplina della responsabilità amministrativa degli Enti. Le Società possono oggi essere ritenute responsabili, e conseguentemente sanzionate, in relazione a taluni reati commessi o tentati nell'interesse o a vantaggio della Società  stessa dagli amministratori o dai dipendenti.
 
Il catalogo dei reati presupposto è in continua evoluzione - recentemente si sono aggiunti i reati in violazione del TUS - Testo unico sicurezza sul lavoro, e i cd. cyber crime o crimini informatici.
La responsabilità della Società può essere esclusa se ha adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione di reati, modelli di organizzazione, gestione e idonei a prevenire i reati stessi. La giurisprudenza ha fortemente insistito sulla necessità di realizzare modelli efficaci, in base ad una specifica analisi caso per caso e non certo mutuando schemi generali ed astratti. Di recente, poi, il Tribunale di Milano ha ritenuto responsabile il manager di una società per inadeguata attività amministrativa, consistente appunto nell'omessa adozione del modello organizzativo e gestorio ex decreto 231, e lo ha condannato a risarcire i danni subiti dall'ente. Ciò è stato letto come passaggio da una formale facoltatività ad una sostanziale obbligatorietà dell'adeguamento al D.Lgs. n. 231/2001.
 
2. CONTENUTI
La consulenza è mirata alla predisposizione di quanto necessario alla implementazione del modello organizzativo ai sensi del decreto 231, secondo le fasi e i contenuti di seguito dettagliati:
2.1. MAPPATURA
Si svolge mediante interviste programmate con referenti della Società, questionari ed analisi delle policy/prassi esistenti. E' finalizzata all'individuazione e alla valorizzazione di tutti gli elementi rilevanti ai fini del conseguente adeguamento.
Al termine della mappatura viene realizzato un documento di lavoro interno con i seguenti contenuti-tipo:
  1. inquadramento normativo
  2. il modello di organizzazione e gestione
  3. la mappatura delle attività e dei rischi
  4. processi sensibili
  5. prime osservazioni sulla realizzazione del modello
  6. "stato dell'arte" rilevato e macro indicazioni
  7. linee guida per l?organismo interno di vigilanza
  8. osservazioni e linee guida conclusive
  9. allegati
  10. documento rischi reato individuati/ambiti-attività-procedure interessate
 
 2.2. ADEGUAMENTO
L'adeguamento consiste nella realizzazione, in base al documento di lavoro prodotto ad esito della MAPPATURA, di:
-     Codice etico - Modello organizzativo 231 - parte generale - Modello organizzativo 231- parte speciale (procedure) - "Statuto" Organismo di Vigilanza
 
Più nel dettaglio, il Codice etico si riferisce ai seguenti contenuti-tipo:
1       premessa
2       introduzione             
2.1    le ragioni e gli scopi del codice 
2.2    i destinatari del codice organizzativo e comportamentale
2.3    i portatori d?interesse: gli stakeholder      
3       principi etici generali di riferimento          
3.1    onestà e rispetto delle norme  
3.2    professionalità e qualità            
3.3    rispetto della persona e pari opportunità                  
3.5    prevenzione della corruzione  
3.6    conflitto d?interesse                   
3.7    tutela della par condicio            
3.8    trasparenza              
3.9    riservatezza              
3.10  documentazione delle operazioni (tracciabilità)
4       criteri generali di condotta       
4.1    norme generali         
4.2    rapporti con clienti e fornitori                  
4.3    rapporti con le istituzioni pubbliche e le autorità di vigilanza  
4.4    rapporti con i media                  
4.5    rapporti con l'ambiente            
5       criteri di condotta nel lavoro   
5.1    rapporti con il personale         
5.2    tutela della sicurezza e della salute             
5.3    trattamento delle informazioni                  
6       modalità di attuazione del codice etico
6.1    organismo di vigilanza               
6.2    comunicazione e formazione  
6.3    violazione del codice                   
6.4    entrata in vigore      
 
Il Modello organizzativo 231- parte generale si riferisce ai seguenti contenuti-tipo:
1         definizioni                  
2         decreto legislativo n. 231/2001
2.1      inquadramento normativo       
2.2      reati previsti dal d.lgs. n. 231/2001             
2.2.1   articolo 24                
2.2.2   articolo 24 bis          
2.2.3   articolo 25                
2.2.4   articolo 25 bis          
2.2.5   articolo 25 ter          
2.2.6   articolo 25 quater   
2.2.7   articolo 25 quater 1 
2.2.8   articolo 25 quinquies                 
2.2.9   articolo 25 sexies    
2.2.10 articolo 25 septies  
2.2.11 articolo 25 octies    
2.3      sanzioni applicabili  
2.4      condizioni di esclusione dalla responsabilità              
3         modello organizzativo               
3.1      origini e attività della Società    
3.2      obiettivi del modello
3.3      fasi e struttura del modello      
3.4      adozione e diffusione del modello              
3.5      attività sensibili della Società    
4         organismo di vigilanza               
4.1      identificazione dell?organismo di vigilanza                   
4.2      rapporti tra destinatari e odv  
4.3      nomina dell'odv        
4.4      caratteristiche funzioni e compiti             
4.5      informazioni da parte di dipendenti collaboratori e terzi           
5         formazione, informazione e diffusione del modello 
5.1      formazione del personale             
5.2      selezione di collaboratori esterni e partner               
6         sistema sanzionatorio               
6.1      principi generali       
6.2      misure nei confronti dei lavoratori dipendenti che non rivestano qualifica di dirigente
6.3      misure nei confronti dei dirigenti              
6.4      misure nei confronti degli amministratori                 
6.5      misure nei confronti di collaboratori esterni e partner            
 
Il Modello organizzativo 231- parte speciale (procedure) si riferisce ai seguenti contenuti-tipo (per evidenti ragioni, l'elenco è assolutamente indicativo):
premessa: finalità e struttura del modello di organizzazione e gestione             
i settori fondamentali       
le aree di applicazione funzionale
l'organigramma di riferimento          
le schede descrittive/procedure       
area funzionale =  1. comunicazione
gestione corrispondenza in arrivo                  
gestione corrispondenza in uscita                  
accesso ai documenti/dati              
adempimenti in materia di trattamento di dati personali e sicurezza dei sistemi              
rappresentanza societaria             
area funzionale =  affari societari    
convocazione organi    
gestione della seduta e verbalizzazione discussione       
attuazione dei deliberati degli organi               
rapporti con enti pubblici ed autorità            
area funzionale =  gestione patrimonio             
modalità della gestione  
controlli sulla gestione del patrimonio           
area funzionale =  acquisizione beni e servizi   
reperimento ed approvvigionamento             
pagamenti     
gestione spese di missione             
area funzionale =  adempimenti contabili          
gestione documenti       
bilancio          
area funzionale =  adempimenti fiscali e contributivi
adempimenti in genere  
sgravi fiscali  
area funzionale =  personale dipendente           
selezione e assunzione personale 
gestione personale        
sicurezza sul lavoro      
norma transitoria             
appendice -deleghe formali rilasciate                 
appendice - regolamenti interni e procedure operative di dettaglio  
 
Lo "Statuto" dell'Organismo di Vigilanza si riferisce ai seguenti contenuti-tipo:
1        identificazione dell'organismo di vigilanza                   
2        composizione dell'organismo di vigilanza
3        cause d'ineleggibilità, cessazione dall'incarico e recesso           
4        compiti e poteri dell'organismo di vigilanza                
4.1     compiti generali       
4.2     obblighi di vigilanza in materia di reporting                
4.3     flussi informativi nei confronti dell?organismo di vigilanza       
4.3.1  sistema delle deleghe                  
4.3.2  segnalazioni
4.3.3  obblighi di informativa relativi ad atti ufficiali            
5        risorse finanziarie dell?organismo             
6        durata in carica. scioglimento
7        modifiche allo statuto                
 
L'adeguamento comprende inoltre la predisposizione delle opportune clausole contrattuali ai fini di un'adeguata comunicazione verso l'esterno.
Applicazione del modello organizzativo e legale in collaborazione alcuni partner specializzati nella normativa e nella parte informatica collegata ed indispensabile.

Cerca nel sito

Seguici

EBCconsultingRisorseUmane109404887866736175696EBCConsultingHRcompany/ebc-consulting

Ultime notizie

FTE nelle Aziende Ospedaliere organizzazioni sanitarie enti pubblici ASST ATS
Lunedì, 11 Dicembre 2017
FTE nelle Aziende Ospedaliere organizzazioni sanitarie enti pubblici ASST ATS   Il sistema H1 Hrms – Modulo FTE per OS (Organizzazioni... Read More...
IMAGE Social Hr, sempre più “desiderato” dalle aziende!
Lunedì, 17 Luglio 2017
  Social Hr sempre più “desiderato” dalle aziende!   Negli ultimi 18 mesi abbiamo incontrato oltre 130 aziende in... Read More...
LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DIVENTA SOCIAL HR
Mercoledì, 07 Giugno 2017
  La gestione delle Risorse Umane diventa Social HR     Finalmente sempre più spesso le Direzioni del Personale chiedono... Read More...
Le nuove norme MIFID2 per le risorse umane
Giovedì, 25 Maggio 2017
  La Direzione del Personale è direttamente coinvolta nella gestione delle risorse umane in relazione alle nuove norme MIFID2 per il... Read More...
IMAGE Analisi Quotidiana del Clima Aziendale
Venerdì, 21 Aprile 2017
ANALISI CONTINUA DEL CLIMA ORGANIZZATIVO AZIENDALE     Non serve più attendere la rilevazione annuale del Clima Organizzativo per... Read More...
Nuove competenze del personale ricercate sul mercato del lavoro
Venerdì, 02 Dicembre 2016
Nuove competenze del personale ricercate sul mercato del lavoro (e dentro l’azienda). Contemporaneamente all’avvio della Industry 4.0 i... Read More...
Facebook at Work per le risorse umane – Industry 4.0
Mercoledì, 12 Ottobre 2016
Facebook at Work per le risorse umane – Industry 4.0 Il mondo delle HR sta vivendo in questi ultimi anni una rivoluzione, la declinazione su... Read More...
IMAGE Portale Welfare Interattivo
Venerdì, 27 Maggio 2016
Portale Welfare Interattivo La nuova sfida del Welfare nel 2016 e le soluzioni per svilupparlo in modo innovativo all’interno delle Aziende.... Read More...

Il sito EBC Consulting utilizza i cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner acconsenti al loro utilizzo, se vuoi saperne di più o negarne il consenso segui le istruzioni presenti alla sezione cookie di questo sito.